Home / News / Aumentare la durata della batteria dello smartphone, i soliti metodi

Aumentare la durata della batteria dello smartphone, i soliti metodi

Guardiamo con estrema sincerità e schiettezza alla questione: fino a quando le aziende costruttrici non avranno ammortizzato il costo degli investimenti in ricerca e produzione delle batterie al litio/ioni di litio e similari non vedremo mai qualcosa di nuovo che vada oltre le 12 ore.

Detto questo i modi per far vivere la batteria ci sono, ma sono tutti a discapito dei servizi che uno smartphone/tablet Android piuttosto che di qualsiasi altro sistema operativo offrono: togli il 3G, sincronizza solo ogni tanto, modifica quello o questo, non attivare questo non attivare quello, abbassa, alza .. niente di diverso da quello che sentiamo da anni nè penso di essere il primo da cui leggerete queste cose.

Vi ho parlato di Motorola Razr sia quì per qualche video che è passato in tv che in questa scheda comparativa con iPhone 4S, oggi vorrei riprendere un thread da XDA in americano che ovviamente per rendere comodo a voi la lettura traduco in italiano, a fine notizia il link al post sul blog perchè è giusto dare a loro tutti i credits.

Ebbene viene consigliato come allungare la vita della batteria ben oltre le 12 ore con qualche servizio attivo e non semplicemente in 2G, ecco i punti consigliati:

  • quando spegnete lo schermo se non vi serve la sincronizzazione anche in quella situazione per qualsiasi vostro motivo personale aggiungete un widget alla home che blocchi sia la sincronizzazione dei servizi che la connessione internet 3G/Umts,
  • abilitare la connessione internet (sempre mio consiglio da widget o qualcosa in tendina come questa app, nell’articolo ne consiglio anche un’altra) solo quando l’app che volete usare necessiti di averla,
  • settare dalla voce setCPU la frequenza di lavoro minima da inattiva a 300 MHz,
  • utilizzare le funzioni di JuiceDefender,
  • altre di minore importanza.

Alcuni modi che uso io: se so che non potrò ricaricare per molto tempo mi dietro uno di quei caricatori mobili che in precedenza ho ricaricato da usb del mio portatile, i primi cicli di ricarica di Droid Razr piuttosto che qualsiasi altro prodotto fate sempre da completamente scarico a completamente carico in modo che la batteria assorba tutta la capacità massima che ha e se proprio necessario caricate via USB.

via blog

link alla discussione

Gabriele Capelli

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

newsletter softwareSito Web realizzato da PianoWeb Grosseto