Home / Utility / Work / i4Codici – Applicazione Android gratis con i codici di: Costituzione, Codice civile, Codice penale e di procedura penale

i4Codici – Applicazione Android gratis con i codici di: Costituzione, Codice civile, Codice penale e di procedura penale

i4Codici per Android

Studiare con accanto al supporto cartaceo anche la nostra tavoletta o smartphone Android (la stessa app è disponibile anche per iOS) per aggiungere piccole note agli appunti o approfondire con rimandi a altri codici può rendere persino più interessante lo studio e da studente trovo questa app veramente valida perchè è gratuita*, senza banner e in un posto solo trovo tutti i codici (persino con qualche piccola nota ma niente di approfondito oltre le 15 parole) della:

– Costituzione,

– del Codice civile,

– del codice di procedura civile,

– Disp. att. cc.,

– Disposizioni sulla legge in generale,

– riferimenti a D.Lgs,

– riferimenti a regolamenti c.p.p.,

– riferimenti a legge comunitaria,

– del Codice penale,

– del codice di procedura penale.

* Gratuita al contrario degli appunti dell’editore suntini su materie universitarie a 0.99E, per approfondire:

Applicazioni Android con appunti riassuntivi di materie universitarie di facoltà che vanno da ingegneria a economia

Appena aperta l’applicazione presenta i cinque riferimenti di legge con altrettante chiare icone:

in alto a destra c’è una icona grigia simile a quella del refresh di una pagina internet, serve previo login dalle impostazioni a accedere a particolari servizi in più dedicati a coloro che sono registrati sul sito dell’editore e per sincronizzare le leggi preferite che chi è del mestiere ha bisogno di tenere sotto controllo più spesso ma non la tratterò in recensione sono già tantissime le opzioni disponibili nella versione senza andare nel particolare. Apriamo per esempio il Codice civile per vedere il pannello di ricerca uguale per tutti.

RICERCA PER NUMERO ARTICOLO

inserendo il numero 50 mi cerca e mostra l’articolo 50 (ss.1), si noti i comodi numeri di riferimento all’interno dell’articolo 50 che rimandano a altri articoli per la sua corretta comprensione e interpretazione giudiziale, per esempio cliccando 725 vengo portato all’articolo 725 del codice di procedura civile libro IV titolo II capo III (ss.2):

riguardo a appunti grafici nell’immagine sopra:

– riferimento al codice e nome dell’argomento generale,

– stella in alto a destra: aggiungi a articoli da tenere tra i preferiti accessibili e visibili da schermata principale, bottone menù, preferiti,

– frecce in alto a destra e sinistra: passa a articolo del codice successivo o precedente, nel caso in esempio si andrà al 726 del c.p.c. libro quarto titolo II capo III oppure al 728 del c.p.c. libro quarto titolo II capo III,

– sempre in alto in centro su sfondo rosso il tipo di codice a cui fa riferimento l’articolo,

– sempre in alto in centro sotto il nome del codice i riferimenti precisi dove trovare il codice.

– Per vedere anche note riguardo l’articolo si cerchi per termine e non per numero di articolo, esempio sotto.

RICERCA PER PAROLA

Oltre a una ricerca per articolo si può fare per termini o per range di articoli, vediamo inserendo la parola uguaglianza in Codice Civile cosa trova:

evidenziato in giallo il termine testuale ricercato, sempre le frecce per passare a articoli precedenti o successivi e la stella per aggiungerlo ai preferiti; in questo caso però ci sono anche le note che per esempio spiegano come questo particolare articolo (il 210 del c.c. libro primo, titolo VI, capo VI sezione III) abbia subito dei cambiamenti a livello di sostituzione di intitolazione, di modifiche di parti e nel caso specifico nell’anno 1975 per ben 4 volte.

Rispetto all’esempio iniziale o anche questo di ricerca per parola i numeri nelle note non sono cliccabili e non portano da nessuna parte perchè non sono articoli al contrario di quelli blu sottolineati ma bensì leggi.

RICERCA TESTUALE AVANZATA

Se da pannello principale clicchiamo qualsiasi codice e dopo l’inserimento di un numero o un termine per la ricerca clicchiamo il bottone Avanzate che si trova accanto all’etichetta Ricerca Testuale il modulo di ricerca offre più possibilità:

tra cui la ricerca solo testuale, delle note o entrambe con un led orizzonale blu che mostra quello spuntato, da SelectBox Scegli si può restringere il filtro di ricerca a un particolare campo come per esempio solo le disposizioni del c.c. o solo nel codice penale in modo che se sapete dove è il termine testuale che ricercate oppure siete specializzati in un solo dodice evitate di vedere articoli da codici non pertinenti tra i risultati che vi farebbero perdere tempo.

Se invece clicchiamo Avanzate (pallino rosso ss. sotto) prima di inserire un termine testuale o un numero allora il pannello inferiore cambia in questo modo:

e si va a scegliere di mostrare gli articoli da un numero all’altro per poi inserire il termine testuale. Un esempio di come si presentano i risultati divisi per codice:

cliccando le frecce a destra del numero e argomento del codice si va a leggerlo completo con riferimenti a altri codici. Ho notato che tornando indietro da una ricerca particolare viene presentata questa finestra con ulteriori risultati della ricerca che fino a quel momento non si erano visti, in questo esempio sempre in ambito di procedura penale:

Dalla finestra principale cliccando il tasto Menù si presentano queste cinque opzioni:

– Codici: riapre la pagina principale,

– Ricerca: apre una schermata per una ricerca generale senza entrare prima in un codice,

– Preferiti: se in un qualsiasi articolo spuntate la stella in alto a destra questo finirà tra i vostri preferiti e potete ritrovarlo più velocemente,

– Cronologia: mostra tutti i risultati consultati (in Impostazioni si può scegliere per quanti giorni conservarla):

– Impostazioni presenta queste voci:

A parte la prima voce, residuale delle prime versioni di Android dove non c’era l’aggiornamento da Play, la seconda serve per scegliere il tempo di mantenimento dei risultati di ricerca in Cronologia e poi la verstione attuale dell’app aggiornata a Aprile 2012.

La parte credenziali di accesso come accennato a inizio notizia è dedicata a chi è iscritto al sito dell’editore, noto per produrre volumi di diritto e vicino al mondo degli avvocati, notai, ecc.

Gabriele Capelli

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

newsletter softwareSito Web realizzato da PianoWeb Grosseto