Home / Help and tips / Help e Come fare / Mugen Power (solo Root) – Applicazione Android per gestire la calibrazione della batteria originale e/o Mugen [M-L]

Mugen Power (solo Root) – Applicazione Android per gestire la calibrazione della batteria originale e/o Mugen [M-L]

Mugen Power *ROOT* (solo Root)

Mugen, azienda di Hong Kong che sin dalle prime versioni di Android è presente e attiva nel mercato offrendo batterie potenziate e in certi casi anche scocche posteriori alternative, ha una sua app in Play Store dedicata alla calibrazione e gestione di questo aspetto.

Se avete la batteria standard del produttore questa applicazione sì è utile perchè controlla meglio i consumi, se avete solo una batteria Mugen diventa più utile perchè con una capacità diversa il kernel di Android deve essere gestito in modo diverso e ultima situazione possibile: se avete la batteria del vostro produttore e una Mugen potete da questa app attivare e utilizzare due (o più) profili in modo che il riconoscimento dei consumi avvenga sempre in modo perfetto.

Istallata l’app nell’ordine ho:

– collegato il cavo usb per ricaricare il mio Android,

– aperto l’app,

– dato il permesso ai privilegi di amministratore (Root) con l’applicazione Super User Elitè che ho istallato,

– scelto dalle tre tipologie di batterie che si presentavano quella nativa del mio prodotto.

Se voi invece avete alimentato l’Android con una Mugen di capacità ridotta (rispetto alla Mugen grande) oppure con capacità Large selezionate quella (ss. sotto a destra):

Scelta Stock Battery l’applicazione andrà a tenere monitorata la fase di caricamento della batteria fino ad arrivare al 100%, eccovi la schermata che va lasciata aperta (non preoccupatevi se si blocca lo schermo, è tra l’altro possibile disattivare questa opzione dalle impostazioni):

arrivata al 100% la prima volta emetterà un suono, cliccate il bottone in basso in centro Calibrate profile per fare la prima volta l’operazione di memorizzazione che al 100% la batteria standard è carica così.

L’operazione potrà essere ripetuta in un altro momento con inserita una Mugen. A questo punto alla riapertura l’applicazione mostrerà il contento dello ss. sotto a sinistra, le voci che appariranno cliccando Menù sono invece quelle dell’immagine sotto a destra:

Vediamo il contenuto di Preferences sotto a sinistra, analizzato dopo le immagini, e Faq che presenta tre domande e risposte con link a pagine web del produttore:

Come detto nell’intro della recensione in merito alla prima voce Manages profiles è possibile avere anche tre profili diversi se si ha la versione di batteria standard, la Mugen medium e la Mugen Large, altresì minimo uno oppure due.

Ho trovato utile anche la parte feed audio al 100%, la possibilità di disattivare la notifica in barra di stato e tenere sempre attivo o meno lo schermo in fase di calibrazione in modo che lo smartphone memorizzi 100 quando effettivamente l’app ha il 100% con schermo acceso e giù di lì in modo che sia più conforme a una situazione di uso attiva.

Riguardo lo ss. sopra a destra invece ho trovato utile l’aver ridotto a tre domande essenziali le funzionalità d’uso di questa app, di più avrebbero fatto perdere l’attenzione sui punti importanti.

Vediamo anche sempre dalle voci in menù il conteunto di Shop e About:

mi ha riconosciuto in automatico che sto utilizzando un htc Desire e mi ha presentato sette modelli con quella sigla nel nome per permettermi, se voglio, di acquistare da web mobile le batterie potenziate dedicate.

La prima considerazione che mi viene da fare guardando invece About è che è alla versione 1.0 dopo ancora più di un anno.

Gabriele Capelli

2 commenti

  1. un articolo scritto col culo!
    ma la grammatica italiana è morta?
    basta mi cancello dagli rss feed

  2. Ho letto il tuo commento e ho provato a rileggere il mio articolo con un occhio più critico, perchè è comunque un qualcosa che fa sempre bene per migliorarsi.

    Non mi sembra a eccezione di qualche parola che ho sostituito in modo che rendesse meglio l'idea di quanto volevo dire che ci siano errori di grammatica o, se tu ne vedi, così grandi da darti un motivo per scrivere un commento del genere. Mi sembra solo che ieri avevi la luna storta e sei capitato nel blog.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

newsletter softwareSito Web realizzato da PianoWeb Grosseto