Home / News / ZTE Atlas W: la recensione completa da Androida.it

ZTE Atlas W: la recensione completa da Androida.it

Grazie a Chiara, dell’ufficio stampa ZTE Italia, abbiamo avuto la possibilità di testare a fondo uno ZTE Atlas W per qualche giorno, ecco la nostra recensione.

Introduzione

Prima di passare alla recensione vera e propria, vorrei anticipare alcune delle caratteristiche di questo dispositivo, che possono incidere sul suo acquisto.

Lo ZTE Atlas, a parere mio, per chi si sta approcciando per la prima volta con il panorama smartphone e che non richiede una dose di potenza esagerata.

Si tratta, infatti, di un dispositivo di fascia bassa, acquistabile per poco meno di 150 euro e con un hardware tutto sommato “giusto” per questa fascia di prezzo.

Confezione

La confezione si presenta in modo abbastanza disordinato.

Dobbiamo ricordarci comunque che per la fascia di prezzo non dovremmo stare a guardare troppo i particolari meno importanti della scatola ma bensì il contenuto.

All’interno troviamo infatti tutti i classici accessori, tra cui Adattatore di rete per la ricarica,Cavetto USB-Micro USB (condiviso con l’adattatore) , le cuffie auricolari Stereo (quindi non in-ear) ed una schedina di memoria Micro SD da 2 GB.

In generale la dotazione è buona, l’unico problema possono essere le cuffie, essendo di scarsa qualità e comunque fastidiose da portare per più di qualche minuto.

VOTO:

Estetica

Riguardo all’estetica c’è molto da dire.Prima fra tutte è da segnalare la somiglianza (se guardato lateralmente) con l’Iphone di quarta generazione.

Si tratta di un dispositivo molto ergonomico, date le sue misure contenute, di soli 115x58x10.5 mm, ed un peso tutto sommato contenuto di circa 130 grammi.

Ci troviamo davanti ed un dispositivo costruito abbastanza bene per essere di fascia bassa.

Un pecca è sicuramente il display, non tanto per risoluzione e colori, quanto più per la ‘plasticosità’ dello stesso e molto soggetto a graffi.

VOTO:

Caratteristiche Tecniche

Siamo arrivati al tallone d’Achille di questo dispositivo, la configurazione Hardware.

ZTE Atlas, infatti, dispone di caratteristiche spesso non in linea con le esigenze dei consumatori e della stessa interfaccia software.

Eseguire azioni quotidiane, non riesce sempre bene a questo telefono.

Questo è dovuto alle caratteristiche che vi elenchiamo di seguito:

  • 512 MB di RAM e appena 150 di memoria interna (espandibili tramite Micro SD)
  • Processore Qualcomm 7227T-1 single-core 800mHz
  • Batteria rimovibile da 1200 mAh
  • Schermo TFT da 3.5 pollici con risoluzione di 800×480 pixel
  • Fotocamera posteriore da 5 MP e anteriore VGA

Come avrete notato sicuramente non si tratta di un hardware di ultima generazione ma sicuramente adeguato per il prezzo a cui viene offerto.

La poca potenza del processore spesso causa impuntamenti durante l’utilizzo quotidiano, che si risolvono dopo pochi secondi o con un riavvio del terminale.

Anche la batteria non è delle migliori. Infatti consente scarsamente di coprire la giornata, scaricandosi spesso prima delle 20.

La fotocamera scatta foto discrete in condizioni di luce ottimali (un po’ meno verso sera o con scarsa illuminazione) mentre la fotocamera anteriore è consigliata esclusivamente per le videochiamate.

Riguardo al display, come abbiamo detto si tratta di un’unità TFT da 3.5“. I colori sono abbastanza buoni e rappresentano abbastanza fedelmente gli originali. Molto bassa la risoluzione, che ci permette di vedere i pixel anche da non molto vicino.

La memoria è veramente poca. Basterà installare 3 o 4 applicazioni e sarà piena.

Purtroppo non esiste la possibilità di installare applicazioni su Micro SD (se non tramite programmi che necessitano dei permessi di Root).

VOTO: 

Software

A bordo di ZTE Atlas W troviamo Android in versione 2.3.5 GingerBread, scelta non molto azzeccata secondo il nostro parere.

Android Gingerbread, infatti, è un sistema ormai vecchio e non ottimizzato, pertanto avremmo preferito vedere su questo telefono un versione più recente di Android (4.0?) , che avrebbe sicuramente reso meglio, accompagnata da un hardware di fascia più alta.

In generale l’interfaccia si muove bene, sebbene con impontamenti e crash sporadici delle applicazioni.

Non sono presenti personalizzazioni da parte di ZTE, se non alcune applicazioni preinstallate.

Per questa sezione non ci sentiamo di dare un voto più alto.

VOTO:

Multimedialità e WEB

Forse uno dei punti migliori di questo dispositivo.

L’audio, infatti, è abbastanza alto e di qualità discreta. Risente solo della posizione delle casse, che sono posizionate posteriormente e provocano un effetto di ‘ovattamento’ quando il terminale e poggiato su superfici morbide.

La fotocamera, come abbiamo detto, realizza foto di discreta qualità in linea con i dispositivi dello stesso livello presenti sul mercato.

La navigazione Web è abbastanza fluida e il caricamento delle pagine abbastanza veloce.

E’ supportata la visualizzazione delle pagine Flash (sebbene con molta fatica durante il caricamento) .

Unica pecca il lettore video, molto limitato nei formati supportati.

VOTO:

Conclusioni 

In conclusione ci sentiamo di consigliare questo telefono a chiunque decida di approcciarsi per la prima volta al molto smartphone ed Android in generale.

Sicuramente non si tratta del miglior smartphone presente sul mercato per questa fascia di prezzo ma non è comunque da disprezzare.

Sicuramente la dotazione Hardware non aiuta, essendo indietro di almeno un anno e mezzo o due, ma per chi non esige troppo da un telefono che troppo non può fare questa e sicuramente la scelta migliore.

Ricordiamo che lo smartphone è acquistabile ad un prezzo 150 euro, ma girando online si può trovare a qualche decina di euro in meno.

Vi lascio al voto Generale e ad una galleria di foto:

VOTO FINALE

Gabriele Capelli

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

newsletter softwareSito Web realizzato da PianoWeb Grosseto